Come diventare un professionista del gaming

Anche tu, attirato dall’enorme crescita che ha avuto l’industria degli eSport negli ultimi anni, ti sei chiesto come si diventa un vero pro gamer? Forse tu stesso stai cercando di far diventare questo hobby un vero e proprio lavoro, o magari semplicemente stai cercando qualche consiglio per migliorare le tue tecniche? In ogni caso, sono qui per spiegarti come si diventa un professionista del gaming!

Trovare il gioco giusto

Intel.com (uno dei più grandi sviluppatori di software al mondo) spiega come il primo passo sia la scelta del gioco. Solitamente non è una decisione che si prende a tavolino, tuttavia è importante che sia pensata bene perché potrebbe determinare il successo o il fallimento del proprio obiettivo. L’eSport in cui si decide di competere è quello in cui si riesce meglio e che più appassiona. Se questi due non combaciano, una volta arrivati ad alti livelli bisognerà comunque eliminarne uno per dedicarsi a tempo pieno all’altro.

Allenarsi in continuazione

È in assoluto il passaggio più importante. Come per qualsiasi cosa, il talento non basta. Dovrete passare ore e ore sulla stessa applicazione, provare tecniche nuove, informarvi sugli aggiornamenti e perfino sapere le caratteristiche dei personaggi a memoria fino a quando il gioco non ha più segreti per voi.
Inizialmente può essere utile guardare dei gameplay su Youtube o altri siti di streaming. I player non devono necessariamente essere professionisti, infatti tutti i buoni giocatori hanno qualcosa da cui imparare.

Trovare un team

E’ consigliato man mano che si migliorano le proprie skills, entrare a far parte di un gruppo diventa fondamentale per due motivi:

  1. Confrontarsi con altri amanti del gioco porterà a spunti interessanti. Questo garantisce la possibilità di migliorare anche quando si è arrivati a un livello molto alto.
  2. Rende il gioco più piacevole rispetto alla versione in solitaria. Come abbiamo già visto, l’allenamento può e deve essere lungo e costante; degli amici con cui giocare faranno passare il tempo più velocemente.

Avere l’attrezzatura adatta

In un primo momento ce la si può cavare con un computer standard ed è necessario solamente uno spazio in cui fare pratica senza distrazioni. Avanzando nei ranking, le attrezzature svolgono un ruolo sempre più importante nelle competizioni.

Il PC, e nello specifico la scheda video, devono essere di altissima qualità se si vuole arrivare in cima alle classifiche. Comprare l’ultimo modello è un gran dispendio economico, ma potrebbe fare la differenza.

Passando numerose ore davanti al computer, anche la sedia svolge un ruolo fondamentale. Le sedie di questo tipo sono studiate apposta per mantenere la postura corretta senza affaticarsi e per essere usate per lunghi periodi. Sul sito sediadagaming.it si trovano le migliori gaming chair sul mercato, comprese di recensioni e specifiche tecniche.

Anche mouse e tastiera da gaming diventano indispensabili: solitamente i due si acquistano dello stesso modello per ottimizzare le prestazioni. Ne esistono di diversi tipi con migliaia di caratteristiche differenti, ogni giocatore prova alcune combinazioni e sceglie quella con cui si trova meglio.

Tuttavia, è inutile comprare fin da subito l’equipaggiamento più costoso sul mercato. L’attrezzatura è un investimento necessario, ma si deve sempre spendere in relazione a quanto ci si può permettere e all’effettiva utilità che si trarrebbe dall’acquisto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *