Cos’è il bonus bebè e cosa prevede?

Negli ultimi anni in Italia si è verificata una forte denatalità. La crisi economica causata dalla pandemia da Covid-19, ha provocato la perdita del lavoro per centinaia di persone. Per questo, si è riscontrata una diminuzione delle nascite ancora maggiore rispetto agli scorsi anni. Infatti le difficoltà legate al reddito e al lavoro, influiscono sulla decisione delle coppie italiane di non fare figli, almeno finché la crisi non sia passata. Ma per alleviare le perdite economiche, soprattutto per chi ha intenzione di allargare la famiglia, lo Stato Italiano ha confermato la Legge di Bilancio 2021, che prevede bonus e agevolazioni per le famiglie. Possono usufruirne sia chi ha già figli, sia chi prevede di averne. Tra i vari aiuti economici previsti dallo Stato per le famiglie con figli, c’è anche il bonus bebè. Ma cos’è il bonus bebè e cosa prevede?

Cos’è il bonus bebè

Il bonus bebè, o assegno di natalità, è un contributo che lo Stato eroga a beneficio delle famiglie che mettono al mondo o adottano un bambino. È valido fino al compimento del primo anno di vita del bambino. Nel caso invece di adozione o di affidamento preadottivo, è valido fino al termine del primo anno di ingresso all’interno della famiglia. L’assegno comprende il versamento mensile da parte dell’INPS.

Questo sostegno economico già in vigore nello scorso anno è stato prorogato anche per il 2021. L’agevolazione è riconosciuta per i figli nati o adottati nel periodo di tempo che parte dal 1 gennaio 2021 fino al 31 dicembre 2021.

Non serve dichiarare i soldi ricevuti dal bonus bebè perché non gravano sul reddito annuo di chi beneficia di questo aiuto.

Cosa prevede il bonus bebè

Possono richiedere l’assegno di natalità tutte le famiglie con un figlio nato o adottato a prescindere dal reddito. Ma è proprio in base al reddito che si calcola a quanto ammonta la spesa mensile del bonus bebè.

Si parte da una cifra di 160 euro al mese per ogni figlio, con un reddito Isee di 7.000 euro all’anno. Chi invece ha un reddito Isee superiore a 7.000 euro e che arriva a 40.000 euro all’anno, ha diritto a ricevere 120 euro al mese. Infine, tutti gli altri che hanno con reddito Isee superiore a 40.000 euro annui, hanno diritto a 80 euro al mese. L’importo di 80 euro è valido anche per chi è sprovvisto di Isee.

Il pagamento avviene mensilmente e secondo la modalità scelta dal richiedente nella fase di compilazione della domanda.

Inoltre, il bonus bebè prevede anche un aumento dell’importo del 20% per i figli successivi al primo. La somma varia sempre in base al reddito familiare. Si ottengono 192 euro al mese per il figlio successivo al primo, con reddito Isee di 7.000 euro all’anno. Con un reddito Isee superiore a 7.000 euro fino a 40.000 euro, la cifra per il figlio successivo al primo è di 144 euro al mese. Tutti coloro che superano i 40.000 euro di reddito Isee, la cifra è pari a 96 euro al mese.

Requisiti per ricevere il bonus bebè

Oltre alla presentazione dell’Isee per ottenere il bonus bebè, ci sono altri semplici requisiti da soddisfare:

  • cittadinanza italiana, di uno stato membro dell’Unione Europea o per i soggiornanti di lungo periodo possessori di permesso di soggiorno UE;
  • residenza in Italia;
  • convivenza del genitore richiedente e del figlio nella stessa abitazione e nello stesso Comune;
  • presentazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) in cui vengono attestati tutti i dati del nucleo familiare e la presenza del nuovo arrivato in famiglia.

Nell’evenienza di un parto gemellare, i genitori possono richiedere il bonus bebè per entrambi i figli, ma compilando la domanda separatamente.

Infine, la domanda deve essere presentata non oltre i 90 giorni dalla nascita o dall’entrata in famiglia dell’adottato.

Come presentare la domanda

I genitori che soddisfano tutti i requisiti citati e che vogliono presentare la domanda per ricevere l’assegno di natalità, possono farlo in diversi modi.

Un primo modo è quello di rivolgersi ad enti di patronato. Oppure si può telefonare ai numeri del contact center dell’INPS, pubblicati nel sito ufficiale nella sezione COME FARE DOMANDA al seguente link: https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=53454#h3heading4 (in cui si possono anche leggere tutte le informazioni specifiche riguardo al bonus bebè)

Il modo principale però per presentare la domanda è attraverso il servizio online del sito dell’INPS. In questo modo si possono comunicare in modo diretto le variazioni che potrebbero sorgere rispetto a quelle dichiarate nella domanda e accertarsi dell’esito positivo o negativo della stessa. La richiesta può essere fatta accedendo al link https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=53454#h3heading36 nella sezione ACCEDI AL SERVIZIO, inserendo le proprie credenziali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *